La Banca centrale della Russia sta scrivendo una nuova legge per regolamentare i Bitcoin

La banca centrale della Russia sta preparando una nuova legislazione focalizzata sul Bitcoin e le altre valute digitali. Mentre il piano non sembra ancora essere ancora ben definito, i rapporti indicano che la Banca di Russia ha intenzione di riconoscere le “cryptocurrencies” come beni digitali, con la relativa imposta da applicare. La legislazione dovrebbe anche stabilire il governo sarà a sorvegliare e regolare il mercato interno.

Quello che stanno dicendo:
Secondo fonti di notizie di Bloomberg e RBC, i dettagli sono venuti fuori da un’audizione parlamentare in cui Olga Skorobogatova, vice governatore della Banca di Russia, ha discusso il lavoro della sua istituzione sulla nuova legislazione. La Skorobogatova, il 25 maggio, secondo come riferito ha detto che la legislazione potrebbe essere introdotta nella Duma – legislatore nazionale della Russia – già dal prossimo mese.
Mentre nessuna trascrizione della riunione 25 maggio è stata immediatamente disponibile, entrambe le fonti rievocano un commenti della Skorobogatova dello scorso anno, quando ha chiamato per un certo tipo di imposizione fiscale e il riconoscimento giuridico delle cryptomonete.

“Le Cryptomonete devono essere regolate, in quanto i volumi sono in aumento rispetto all’anno precedente. Se le persone sono impegnati in questo, devono pagare soldi per questo, e dobbiamo avere una chiara comprensione di come controllare questa attività”, ha detto la Skorobogatova, come riportato da Bloomberg .

Nel mese di aprile, la parola è emerso che una nuova spinta legislativa era iniziata, ma un susseguirsi di commenti ha suggerito che potrebbe richiedere più tempo di quanto originariamente previsto.

Come siamo arrivati qui:

Chi guarda la Russia negli ultimi due anni non può non riconoscere che si è mossa sempre più verso una sorta di quadro legislativo per le valute digitali.

Inizialmente, il governo sembrava innescato ad adottare una dura presa di posizione in merito alla creazione di emissione di cosiddetti “surrogati di denaro”. A un certo punto, i funzionari russi pubblicamente hanno accarezzato l’idea di pene detentive per i reati connessi con la tecnologia.

Tale posizione ha in gran parte ammorbidito negli ultimi mesi, accompagnato dal crescente entusiasmo per blockchain sia tra i funzionari della Banca di Russia, così come il governo stesso.

Il primo ministro Dmitry Medvedev, per esempio, ha spinto per la ricerca in applicazioni pubbliche della tecnologia.

(Fonte: http://www.coindesk.com/russias-central-bank-writing-new-bitcoin-law/)

Articoli Correlati

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
  • Earn from 500+ faucets in one site